Legge elettorale, dopo monito Mattarella è dovere dei partiti arrivare a risultato. A breve testo base

Il monito del Presidente della Repubblica Mattarella sull’urgenza di approvare una legge elettorale è stato sacrosanto e ha tolto qualsiasi alibi ai partiti che hanno il dovere di arrivare ad un risultato.

 

Il servizio del Tg5 sulla legge elettorale

Già dopo la sentenza della Corte il Capo dello Stato aveva sollecitato il Parlamento a lavorare velocemente per scongiurare il rischio di concludere la legislatura senza aver dato al Paese una legge elettorale efficace, ragionevole e capace di dare maggioranze omogenee e stabili nelle due camere.

Dopo il lavoro di confronto e di sintesi svolto in commissione affari costituzionali nelle settimane scorse, ora, come relatore, sto lavorando a un testo base da presentare nei prossimi giorni. Così finalmente passeremo dal dibattito politico ad un più concreto lavoro legislativo e spetterà ai partiti presentare emendamenti per giungere a un testo il più possibile condiviso.