Legge di stabilità, tagliare i fondi ai comuni che non chiudono partecipate

La conferma da parte di Matteo Renzi di voler ridurre le partecipate da 8000 a 1000 in legge di stabilità è molto positiva. Scelta Civica lo chiede fin dall’estate del 2014 e ha presentato fin da allora uno specifico disegno di legge a mia firma (puoi leggerlo qui).

Siamo contenti che il Governo la pensi finalmente come noi. Però adesso bisogna tagliare sul serio.

Già la legge di stabilità 2015 prevedeva tagli alle partecipate e soprattutto la chiusura delle scatole vuote con più amministratori che dipendenti. Dire che siamo indietro e che gli enti locali fanno melina è un eufemismo.

Per questo chiediamo tempi brevi e certi e tagli dei fondi agli enti che non chiudono le società inutili. Del resto già la legge delega Madia contiene questi principi. I poltronifici vanno chiusi subito e i soldi dei contribuenti non devono andare ai comuni che non lo fanno.